La Rocca Borromeo di Angera, fa parte della mia infanzia. Da sempre per noi Angera veniva associata alla Rocca, e come spesso accade; tendiamo a voler vedere posti che si trovano a migliaia di km da casa, mentre non ci siamo mai soffermati a vedere la bellezza che ci circonda con gli occhi di un “turista”. Ecco allora che vorrei dare il via al “tag” Lago Maggiore per dare credito ai posti meravigliosi proprio dietro casa.  La prossima volta che vi recate al Lago Maggiore, valutate una visita alla Rocca Borromeo di Angera. Già soltanto la vista dal castello vale l’escursione!

vista rocca angera

vista dalla rocca

Il castello con stile architettonico che risale al XXII e il XIV secolo è stato acquistato dai Visconti nel 1384 per essere in seguito venduto alla famiglia Borromeo nel 1449 dopo la naturale estinzione della famiglia Visconti. All’epoca la famiglia Borromeo possedeva anche la Rocca di Arona, posta alla parte opposta del lago. La Rocca di Arona fu distrutta nel 1800 e oggi quel poco che resta della Rocca di Arona non è più aperta al pubblico Ancora oggi, la rocca appartiene alla famiglia Borromeo, dove furono celebrate le nozze di Pierre Casiraghi e Beatrice Borromeo nel 2015.

Le sale storiche del castello

La Sala della Giustizia è senza dubbio la più rilevante con i suoi affreschi realizzati da un anonimo pittore chiamato “Maestro di Angera” risalenti al secolo XXIII e commissionati dall’arcivescovo di Milano. Gli affreschi rappresentano una scena di vittoria sui Torriani nella battaglia di Desio del 1227. Il ciclo di affreschi qui presente è considerato particolarmente complesso per la pittura medievale, in particolar modo per la scelta cromatica poco conosciuta in Italia nel Due e Trecento. Dalla scala presente nella sala della Giustizia è possibile salire sulla torre castellana e godersi il panorama spettacolare.

Vi è inoltre la sala del Buon Romano con un dipinto rappresentante Giovanni Borromeo che scaccia i Goti da Roma, e uno che rappresenta l’antenato dei Borromei, Federico, mentre riceve in moglie la figlia dell’imperatore Enrico IV; la sala delle cerimonie contenenti pezzi di affreschi provenienti dal palazzo Borromeo di Milano, la sala di San Carlo, della Mitologia, e dei Fasti borromeo. Difficile non sedersi per un momento davanti a una delle numerose finestre e godersi la vista sul lago.

Il museo delle bambole

La Rocca ospita anche il recente museo delle bambole, fondato dalla principessa Bona Borromeo Arese nel 1988; una collezione di oltre 1000 pezzi e disposte in 12 sale del castello. I pezzi esposti vanno dall’inizio del diciannovesimo secolo in poi, con l’utilizzo dei più svariati materiali per la realizzazione delle bambole. E Interessante vedere come il trend dei materiali, delle espressioni delle bambole e dell’abbigliamento si sia sviluppata e modificata negli anni. I non più giovanissimi avranno la possibilità di riesumare qualche ricordo della loro infanzia!

bambole, rocca angera

consulto medico, automa elettrico, 1910

Oltre alle bambole troverete giocattoli d’epoca e una sezione dedicata agli oggetti animati prodotti nel XIX secolo. Se penso al concierge robot che mi seguiva pure con lo sguardo mentre giravo per la hall dell’hotel a Tokyo, e che mi dava la mano per salutarmi, non posso che rimanere basita dai salti di tecnologia che ci sono stati in pochi anni. Il museo delle bambole è unico nel suo genere, e tra le collezioni più importanti d’Europa.

cavalli rocca angera

Giocattoli

Il giardino

Una bella sorpresa è stata invece il giardino medievale che circonda il castello e si affaccia sul lago. Il giardino è stato costruito in seguito a uno studio approfondito e basato su documenti dell’epoca per ricreare l’idea del “perduto paradiso” e oltre alle piante ornamentali vanta alberi di frutta, un orto e una sezione dedicata alle “erbe piccole” che comprende anche un gran numero di erbe mediche con descrizioni sul loro utilizzo.

Sul posto è presente anche un bar e un piccolo negozio.

Come Arrivare alla Rocca Borromeo di Angera

Per chi volesse raggiungere Angera con il battello, è possibile prenderlo da Arona, Stresa, Pallanza e Locarno. Gli orari dei batteli sono consultabili qui (Arona Locarno)

Costo

Il biglietto d’ingresso per la Rocca costa 9.50 Euro La biglietteria offre anche la possibilità di prendere dei biglietti che combinano varie attrazioni come La Rocca + Isola Bella + Isola Madre per 25 Euro Al momento non sono disponibili audio guide.

Orari

La Rocca Borromeo è aperta dalle 09.00 alle 17.30.