Porto, nota anche come la “capitale del nord”, è una delle principali città del Portogallo.

Se avete l’opportunità di prolungare la visita in Portogallo di qualche giorno oppure se avete un weekend lungo, Porto può essere la soluzione che fa per voi!

Il clima è mite durante tutto l’anno e questo fa di Porto una meta ideale per ogni stagione.

Dall’Italia è facilmente raggiungibile in aereo, mentre dal Portogallo si può prendere aereo o treno.

La città è di piccolo-medie dimensioni, quindi un paio di giorno sono sufficienti per visitare tutti i principali punti di interesse e attrazioni. È percorribile a piedi, anche se c’è la metro o il tram, ma attenzione a mettere in valigia le scarpe da ginnastica: le viuzze piane sono davvero poche!

Il mio consiglio è quello di prendervi il vostro tempo per godere appieno l’atmosfera tranquilla e rilassata, che rende questo posto unico. Porto è una vera gioia per gli occhi (guardate le foto!) e vi conquisterà fin dal primo memento, grazie ai suoi saliscendi, alle sue case decadenti ma dall’atmosfera magica, al quartiere della Riberia dal quasi si ammira un panorama pazzesco.

Strada a Porto

Strada a Porto

Rua Das Flores a Porto

COSA NON PERDERE A PORTO

Ecco un elenco dei motivi per fare una visita a Porto:

  • Sedersi in un bar e ordinare un bicchiere di Porto
  • Prendere una birra take away e ammirare il tramonto sul fiume Douro
  • Partecipare ad un wine testing in una delle tante cantine vinicole nella zona di Vila Nova De Gaia
  • Passare qualche ora nella Livraria Lello
  • Prendere il trenino o il tram per andare sull’oceano, in una giornata di sole
  • Andare a caccia degli azueljos piu belli
  • Fare merenda con Pastel de Nata o uno dei tanti dolci di pasticceria
  • Pranzare con bacalhau (fatto in diversi modi, vedi immagine sotto per un esempio), francesinha, o petiscos
  • Andare a Ribeira per una cena romantica
Cena a Porto

Cena a Porto

Se vi ho convinti, o almeno incuriosito, leggete il resto del post per scoprire l’itinerario che consiglio per 3 giorni nella città.

DOVE ALLOGGIARE A PORTO

La città è piccola quindi si puo benissimo girare tutta a piedi. Il mio consiglio è quello di prendere un accomodation in zona União de Freguesias do Centro. Da qui potrete raggiungere a piedi in poco tempo le principali zone (come Riberia) ma anche la parte piu commerciale della città.

ITINERARIO CONSIGLIATO PER 3 GIORNI A PORTO

Giorno 1

Iniziate la vostra giornata con una prima colazione a base di Pastel de Nata. Queste sono dei dolcetti tipici preparati in diversi gusti: limone, Porto, cioccolato, etc. Dirigetevi verso la Cattedrale di Porto, che si trova su una collinetta: questa è la principale chiesa cattolica della città. La chiesa propone influssi sia gotici che barocchi, che la rendono unica nel suo genere. La navata è stretta e l’interno è piuttosto scuro. Vi basterà uscire per godere di un ottimo panorama sulla città e sul fiume Douro dalla terrazza belvedere.

Catterdrale di Porto

Catterdrale e Belvedere di Porto

Belvedere di Porto

Belvedere sul Douro

Scendete tramite Rua de Mercadores, una deliziosa via che vi porterà all’inizio del quartiere Ribeira. La piazza è incantevole, piena di ristorantini e taberne dove trovare ottimo cibo e porto. Da qui partono tante stradine pittoresce e caratteristiche, sarà un piacere per gli occhi perdersi tra queste.

A fianco noterete la Casa Do infante, che è una casa storica di Porto, da cui diparte la via che costeggia il fiume Douro. Godetevi questa passeggiata, soprattutto in una giornata di sole. Attraverserete Cais de Ribeira che è nota per le sue casette a volta colorate in vari toni vivaci e pastello.

Casas de Ribeira

Casas de Ribeira

Arriverete quindi al Ponte Dom Luis, icona e simbolo della città. Questo ponte, che collega le due sponde del fiume Douro, è fatto interamente in ferro e si può percorrere su due livelli: uno piu basso, e uno piu alto. Entrambi i livelli regalano una vista mozzafiato su tutto il fiume, che si apre nell’oceano.

Tips: noterete subito come la struttura ricordi la tour Eiffel, non per la forma, ma per l’uso del ferro che era un materiale molto caro al famoso architetto francese Gustava Eiffel.

Pom de Luiz

Pom de Luiz

Al di la del fiume inizia Vila Nova de Gaia, che è famosa per ospitare le numerose cantine vinicole dove viene invecchiato e imbottigliato il porto. Percorrete la via, che costeggia il fiume, e vedrete tutte le più note marche del vino. Il mio consiglio è scegliere quella che vi ispira di più, oppure che conoscete già, e prendere parte al tour con degustazione finale.

Noi abbiamo scelto Ferreria, e non ce ne siamo pentiti. Il motivo della scelta deriva dal fatto che è una delle poche case ancora interamente posseduta dai portoghesi, e questo ci dava un forte senso di autenticità. Il tour dura mezz’ora, durante la quale percorrete idealmente tutto il processo di produzione, invecchiamento e imbottigliamento. Il processo di vendita sarà invece tangibile! Fate attenzione: se non avete un bagaglio da stiva, vi conviene compare al duty free dell’aeroporto; i prezzi sono leggermente più alti ma comunque ragionevoli. Scoprirete le zone in cui si trovano le vigne, le navi con cui il porto veniva trasportato fino a pochi decenni fa, tutti i segreti che fanno di questo vino un ottimo compagno di fine pasto. Sono sicura che apprezzerete molto anche la degustazione finale, che va dai 2 al 5 vini a seconda del prezzo che pagherete (minimo 12, massimo 25).

Cantina Ferreira

Cantina Ferreira

A questo punto potrete scegliere 2 opzioni per salire fino al punto panoramico da cui ammirare il tramonto. La prima, la più comoda, è la funicolare (6 euro a tratta). Mentre la seconda sono le vostre gambe: sicuramente è più faticoso, ma vi permetterà di smaltire un po’ di vino e di percorrere le viuzze tipiche. Vi assicuro che la salita è meno difficile di quello che sembra!

Salendo per il Ponte

Salendo per il Ponte

Arriverete a Jardim do Morro, un piccolo giardino con delle panche in roccia da cui potrete assistere al tramonto del sole se la giornata lo permette. L’attesa può essere allietata da una fresca birra soprattutto nelle calde giornate estive!

Prima che sia buio, riprendete le forze ed energie per attraversare il ponte di Luis in senso opposto e sul piano superiore.

Tramonto a Pom Luiz

Tramonto a Pom Luiz

L’alternativa alla salita e passaggio del ponte può essere una crociera sul fiume Douro. La durata è di un oretta e vi darà l’opportunità di vedere la città da una diversa prospettiva.

Tramonto sul Douro

Tramonto sul Douro

Giorno 2

Dedicate anche il secondo giorno alla visita delle attrazioni della città.

Una delle piazze più belle della città è quella che ospita il Palacio de Bolsa, che è visitabile anche all’interno.

Da qui potete salire fino ad arrivare alla Torre dos Clerigos, che si trova su una collinetta. Questa è la torre più alta della città (anche se solo 76 m), che vedrete quindi spuntare il tutte le foto panoramiche. Prendete un po’ di fiato prima di percorrere la stretta scala a chiocciola di 225 gradini! Oltre alla torre e alla splendida vista a 360 gradi sulla città, c’è un piccolo museo che si può visitare prima di affrontare la salita alla torre.

Panorama da Torre Dos Clerigos

Panorama da Torre Dos Clerigos

A pochi minuti a piedi da qui si trova una delle librerie storiche più belle al mondo: Livraria Lello.

Questa libreria è un posto magico, ed è impossibile dare un tempo da dedicarvi: si potrebbe spendere delle ore all’interno, a sfogliare le miliardi di libri di questo posto. Bellissima la scala che vi porta al piano superiore, sono sicura che a tutti sembrerà di essere catapultati dentro uno dei film di Harry Potter! Qui si trovano libri sia in lingua portoghese che in lingua inglese. Interessante sapere che l’ingresso costa 5 euro, ma questo funge da credito per uno dei libri che acquisterete all’interno.

Tips: questa libreria è stata d’ispirazione per la libreria di Hogwarts e la scalinata del famoso Harry Potter, e il secondo piano è proprio la location in cui J.K. Rowling scrisse molti dei primi capitoli del libro!

Livraria Lello

Livraria Lello

Da qui è facile proseguire verso la stazione dei treni di Sao Bento: entrate assolutamente per scoprire le decorazioni, o meglio azueljos, che fanno di questo posto un luogo quasi magico. Queste piastrelle bianche decorate di blu, che rappresentano i significativi eventi storici del Portogallo, ricoprono tutte le parete dell’ingresso e fanno di questa stazione una delle più decorative d’Europa.

Un altro bellissimo esempio di azueljos sono la Chiesa di Ildefonso e la Capela Das Almas, che sono esternamente tutte coperte e decorate.

Chiesa di Ildefonso

Capela Das Almas

Un altro luogo da non perdere a Porto è il mercato do Bolhao. L’edificio originale è in fase di ristrutturazione che durerà 2 anni (da maggio 2018 a maggio 2020), ma l’interno è stato trasferito in un adiacente edificio moderno quindi avrete la possibilità di perdervi tra i colori, profumi e sapori del posto. Al mercato non solo è possibile acquistare frutta e verdura freschissime, ma anche mangiare dei piatti tipici e autentici del posto. In ogni caso, questo è il posto ideale per portare a casa souvenir culinari: dalle pastel de nata al pate di bacalhau.

L’elenco dei posti e attrazioni potrebbe continuare all’infinito, lascio a voi il suggerimento nei commenti sotto per qualche perla che mi sono sicuramente persa durante la mia gita a Porto!

Giorno 3

Personalmente, sono un amante del mare e quindi la vicinanza della città all’oceano Atlantico mi ha portato a dare un saluto in giornata.

Raggiungere le spiagge dalla città di Porto è davvero facile e veloce.

Esiste la possibilità di prendere un tram (linea 1 Infante) che arriva a Foz de Douro (capolinea) che da sull’oceano. Oltre al forte, camminate fino al faro. Questo è uno dei luoghi ideali per godere del tramonto sul mare.

Noi pero abbiamo optato per un minibus che parte da Vila Nova de Gaia e porta fino alla vicina spiaggia de la Madalena, tramite la strada che costeggia prima il fiume e poi il mare.

Oceano Atlantico

Oceano Atlantico

La costiera è un susseguirsi di spiagge, tutte attrezzate ma con un ampia spiaggia libera. La prima spiaggia che incontrate è quella de Lavadores, seguita da la Madalena.

La mia preferita è stata la Spiaggia de La Senora. Questa spiaggia è famosa per la chiesetta che si erge proprio sulla spiaggia, o meglio proprio sul mare.

Senhora Da Hora

Senhora Da Hora

In genere la mattina il sole è sempre coperto, mentre nel primo pomeriggio la giornata si apre ed è quindi possibile fare il bagno (anche se l’acqua è sempre fredda) e di abbronzarsi!

Obrigada a Porto per questa bella scoperta!