Spesso il tempo a disposizione è poco, ma questo non significa che non riusciamo a trovare posti bellissimi anche dietro l’angolo!

Personalmente, vivo a Como da ormai 4 anni e ancora non smetto di scoprire panorami mozzafiato giorno dopo giorno. Fortunatamente ci sono posti magnifici raggiungibili il poco tempo, e le attività sono per tutti i gusti!

UN PO DI GEOGRAFIA

Como è chiusa a sud e ad ovest da una serie di colline moreniche, lasciate dall’enorme ghiacciaio che ha scavato il solco attualmente occupato dal lago.

Como confina con diversi monti: il Triangolo Lariano, il Lario Intelvese, le Alpi Lepontine Meridionali e l’Alto Lario Occidentale. Tutte le montagne sono situate nella parte nord della provincia, oltre la linea immaginaria che unisce le città di Como e Lecco.

Il Triangolo Lariano è una porzione di territorio racchiusa fra i due rami del Lago di Como, ha per vertice la punta di Bellagio e per base una catena di monti dalle forme per lo più tondeggianti e dolci che si affacciano sull’Alta Brianza e i suoi laghi.

TREKKING CHE PASSIONE

La passione per il trekking e’ una cosa che uno si sente dentro: la voglia di svegliarsi al mattino prestissimo, sentire nel naso l’aria frizzantina, mentre prepara lo zaino con panini, acqua e crema solare. E poi partire, raggiungere il punto di partenza, carico e pronto per la scarpinata. Che per quanto potrà essere dura, sicuramente darà le soddisfazioni che ci ti aspetti: anzi, spesso il paesaggio visto dalla cima è decisamente meglio di quello che sognavi, e da solo ti ripaga di tutti gli sforzi.

Voglio iniziare con 4 percorsi di trekking, piuttosto semplici e quindi adatti a tutti in una domenica tra i monti vicino a Como città.

Monte Bisbino

Il Monte Bisbino, con i suoi 1325 m, è la montagna più alta visibile dalla città di Como. L’escursione non ha una durata lunghissima, 2 ore e 30 circa, ed è davvero molto facile e piacevole. Questa passeggiata è perfetta sia per l’estate che per l’inverno, visto l’assenza o la scarsità di neve a queste quote. Se sarete fortunati, tra abetaie e bosco ceduo, potrete avvistare un po’ di fauna tipica, come civette, volpi, galli cedroni e lepri.

La via si snoda dal Monte Bisbino, fino al Rifugio Bugone, poi Rifugio Murelli ed infine Rifugio Binate. Percorrererete la prima parte del Sentiero n°1 della famosa Via dei Monti Lariani in quota, ad oltre 1000 metri, sulla sponda ovest del Lago di Como. Trovate diverse  info qui.

In alternativa, potrete optare per un percorso a piedi molto breve: dopo avere parcheggiato la vostra auto sulla strada partendo da Cernobbio, in meno di mezz’ora arriverete sulla cima.

Interessante è il percorso in bici che parte da Cernobbio: trovate le info qui.

Sulla vetta troverete il Ristoro Alpino Vetta Bisbino, che offre prodotti tipici e ottimi! Spesso vengono organizzati anche pranzi, pizzoccherate, etc

Monte Croce

Monte Croce è un monte di basso rilievo immerso nel Parco Regionale Spina Verde. L’origine del suo nome è legata alla forma delle colline che, come un cuneo verde, si insinuano tra la Como della convalle e la nuove zone urbanizzate poste a sud-ovest. L’area è frequentata sin dalla preistoria, come testimoniano vari graffiti rupestri, tracce di strutture abitative, solchi lasciati da slitte, una fonte ed antiche sepolture.

Quest’area può essere esplorata direttamente dalla città di Como. Il punto di partenza è S.Abbondio, e la durata è di un paio d’ore. Questa camminata è perfetta per tutta la famiglia. I sentieri sono molteplici ed è facile perdersi: vi consiglio di dare un’occhiata qui per il sentiero da seguire fino alla croce di S.Eutichio, che da il nome al monte che domina Como. Sul sentiero percorso arriverete al Belvedere, che vi stupirà col suo panorama.

Panorama da monte croce

Panorama da monte croce

Quassù troverete la Baita Monte Croce dove potrete fermarvi per un pranzo o uno sneak.

Potrete continuare a esplorare la zona sul sentiero sterrato ma pianeggiante che vi permetterà di raggiungere rapidamente Pianvalle: qui si trovano alcuni interessanti resti della Como preromana.

Tips: Lo sapevate che la Nuova Como (Nova Comum), in riva al lago, è stata fondata da Giulio Cesare e qui vi sono i resti?

Possiamo proseguire lungo la via Respau, costeggiando un Parco delle Rimembranze che è dotato di una acustica particolare. Questa strada vi porterà verso il Castel Baradello. Questo è uno dei pochi resti che si son salvati dell’antico complesso sistema difensivo della città: questa importante roccaforte rimangono solo una torre alta 28 metri, una piscina per la raccolta dell’acqua, un piccolo edificio esagonale e poco altro.

Tips: vi sembrerà di tornare al Medioevo durante il Palio del Baradello, che si tiene a settembre di ogni anno proprio nel castello. Un occasione unica per rivivere un epoca ormai cosi lontana, fare attività come tiro con l’arco: vi sembrerà quasi di essere catapultati in una fiaba!

Poco prima di raggiungere il Castello troverete Cascina Respau di Sotto, attualmente trasformata in ostello e che offre anche un ristorante. L’atmosfera è molto amichevole e famigliare, e il cibo è ottimo! La scelta dei piatti non è vasta ma son tutti preparati con ottima cura e ingredienti di prima qualità. Il posto è incantevole anche per un aperitivo.

Il castello Baradello è anche raggiungibile in 15 minuti a piedi da Piazzale Camerlata. Maggiori info qui.

Monte Bolletone

Altra montagna molto apprezzata del Triangolo Lariano è il Bolletone, a circa 1317 m di altezza, per una panoramica passeggiata adatta a tutta la famiglia.

Questo monte è raggiungibile da Brunate (a pochi km da Como) oppure da Albavilla (a 11 km da Como). I percorsi per gli escursionisti sono diversi, la passeggiata è adatta a tutte le persone che abbiano un minimo d’allenamento: la durata della camminata è circa 3 h con dislivello 500 m. Qui troverete tutte le info utili prima della camminata. Sulla vetta troverete una croce e un panorama mozzafiato.

Trekking al Bollettone

Trekking al Bollettone

Monte San Primo

Con i suoi 1687 m, è la vetta più elevata del Triangolo Lariano e perfetta balconata sul lago e le vette circostanti. Il Monte è posto in posizione molto panoramica dietro Bellagio, e dal quale si può ammirare il Lario con la caratteristica biforcazione a Y rovesciata. Una piacevole meta che è sempre in grado di offrire un panorama particolare su tutto l’arco alpino occidentale fino agli Appennini e alle Alpi Svizzere.

Specialmente in inverno, nelle giornate limpide una salita sulla sua vetta merita davvero una visita. In ogni caso, questa è una di quelle escursioni adatte per ogni stagione.

I possibili sentieri sono due: il primo parte da Sormano per un dislivello totale di 550 m, l’altro parte da Civenna per un dislivello di 730 m. Sia Sormano che Civenna distano 35 km circa da Como. Tutte le info qui.