L’Asia è il continente più popoloso del pianeta, con una varietà di popoli che riflette un altrettanto grande varietà di differenti religioni. L’Islam è la religione più diffusa in Asia, l’Induismo è la seconda religione, seguita dal Buddhismo. In generale, l’Asia è un paese permeato da una cultura che è piuttosto distante da quelle a cui siamo abituati in Occidente, e la religione influenza fortemente le pratiche e abitudini del Paese.

Questa varietà rende unico il viaggio nel Paese, e vi permette una vasta scelta di cose da fare: leggete qui per scoprire la top list!
Vi capiteranno pero alcune situazioni per cui vi chiederete: ma perché nessuno me l’ha detto prima? Per questo motivo ho pensato di stilare una lista delle 8 cose da evitare in Asia, per rendere il vostro viaggio più agevole e senza spiacevoli intoppi.

  • Mai puntare i piedi al Buddha

Non bisogna mai puntare i piedi al Buddha. Nella cultura buddhista, i piedi sono  la parte più impura mentre la testa è la parte più pura. Quando entrate in un tempio, vi potete sedere anche in prima fila ma la cosa davvero importante è farlo in modo da avere i piedi diretti nella parte opposta al Buddha. Per questo stesso motivo, in Tailandia bisogna fare attenzione a non toccare (o accarezzare) la testa ai bambini.

templio in Thailandia

templio in Thailandia

  • Evitare il topless in spiaggia

Evitare il topless in spiaggia, e in generale anche bikini particolarmente succinti, è una buona pratica da adottare specialmente nei paesi mussulmani. Oltre ai divieti affissi, questo è un modo anche per evitare di avere gli occhi di tutti addosso. Pensate che alle Langkawi (Malesia) è persino vietato scambiarsi effusioni (anche baci) per strada.

  • Evitare le guide turistiche

Evitare di essere abbordati dalla prima persona che si spaccia per guida turistica, magari mostrandovi un distintivo ufficiale che nel 90% dei casi sarà falso. Spesso nei luoghi turistici è facile essere fermati per strada da persone che sembrano volervi aiutare ma che in verità vogliono vedere il loro servizio di guida nella giornata.

  • Mai bere l’acqua dal rubinetto

È banale, ma non bisogna mai bere acqua dal rubinetto. Io ho sempre lavato comunque i denti con l’acqua che corre, ma evitate di berla. In molti aeroporti troverete le fontanelle con acqua potabile: fidatevi solo in quei casi. Per tutto il resto, andate al supermercato a comprare l’acqua e assicuratevi che ogni bottiglia sia ben chiusa.

  • Mai mangiare un durian

Considerato da molte persone del sud-est asiatico come il “re dei frutti”, il durian si distingue per le sue grandi dimensioni, il suo forte odore e la sua buccia spinosa. Se lo trovate, evitate di mangiarlo. L’odore è davvero sgradevole e il sapore anche! Non a caso, l’aeroporto di Singapore e anche quello di Bangkok hanno affisso un divieto che non consente di trasportare questo frutto.

Durian

Divieto di trasporto per I durian

  • Mai accettare il primo prezzo proposto

Mercanteggiare e in generale negoziare è una pratica usuale in Asia. Spesso i commercianti alzano il prezzo che vi offrono in prima istanza proprio con questo obiettivo. In genere, è davvero facile ridurre il primo prezzo proposto al 70%.

  • Non sedersi sui posti riservati ai monaci

Nei mezzi pubblici vi sono i posti riservati ai monaci. Mai sedersi su questi posti, che piuttosto devono rimanere vuoti per tutta la corsa. Inoltre, le donne non possono nemmeno rivolgere la parola.

Monaci in barca a Bangkok

Monaci in barca a Bangkok

  • Mai entrare in un tempio con scarpe, ginocchia e/o spalle scoperte

Mai varcare la soglia di un templi con qualcosa ai piedi, oppure con spalle/ginocchia scoperte. Le scarpe o le ciabatte vanno sempre tolte, cosi come le spalle e le ginocchia vanno coperte. Non dimenticate quindi di mettere in valigia una sciarpona per le spalle e un pareo per le gambe. L’alternativa sarà acquistare qualcosa in loco: in Thailandia vedrete tutti girare con i “pantaloni con gli elefanti” proprio per questo motivo!