Adoro viaggiare in Asia: il continente offre una vasta scelta di Paesi, culture diverse, vari posti da esplorare (più o meno turistici). Ovviamente, per cosi tanti pro ci devono essere dei contro: a mio avviso il principale contro va ricondotto al clima. Specialmente se viaggiate ad agosto, troverete un altissima umidità, che rende il caldo troppo spesso insopportabile, e piogge monsoniche che se colpiscono possono provocare persino allagamenti e/o enormi disagi.

Devo essere onesta nel riportare la mia esperienza nel continente asiatico: io ho viaggiato sempre ad agosto, ma fortunatamente non ho mai riscontrato grossi disagi; ho trovato solo piogge, di varia durata e intensità, che però non hanno mai ostacolato il mio planning giornaliero. Mi raccomando: portate almeno un k-way in valigia!

In questi ultimi 4 anni ho viaggiato nel sud-est asiatico, in particolare in Malesia, Singapore, Cambogia, Vietnam, Indonesia, Tailandia. Ho vissuto ogni paese in maniera diversa, per la durata e le condizioni del viaggio, ma è infinita la lista dei bei ricordi che mi hanno legata ad ognuno di questi paesi. Dopo aver visto e vissuto questi posti, ho pensato ad un elenco delle 8 cose che consiglio di fare quando si viaggia in Asia.

  • Andare a bere in un rooftop bar

Ogni grande città di questi paese offre una moltitudine di skybar piuttosto glamour, a diverse altezze. Fa eccezione la Cambogia: Sorrido ancora quando a Siem Reap ci hanno spacciato un secondo piano di un bar per un rooftop bar! In generale, si considera un rooftop bar quando è situato dal decimo piano in su. Sicuramente Kuala Lumpur, Singapore e Bangkok offrono una vasta scelta sia a livello di altezza che di stile.

Sono stata al RedSky Bar di Bangkok, che si trova al 55esimo piano dell’Hotel Centara Grand, e devo dire che la vista era davvero mozzafiato.

RedSky bar in Bangkok

RedSky bar in Bangkok

Mentre a Da Nang ho provato il bagno con la vista più mozzafiato che ci si possa immaginare, guardate la foto di copertina!

Toilet allo Skybar in Viternam

Toilet allo Skybar in Viternam

  • Muoversi con un Tuk Tuk

Il tuk tuk è un mezzo molto popolare in tutta l’Asia, sia nelle grandi capitali che nei centri più piccoli. Si tratta di un mezzo a motore, con diverse forme a seconda dei Paesi. In Tailandia per esempio appare come un 3 ruote in cui il guidatore è seduto davanti mentre i passeggeri (fino a 4) sono seduti dietro. In Cambogia, invece, il tuk tuk è una motorino di bassa cilindrata saldato ad una “carrozza” tramite un traino.

Viaggiare in tuk tuk è davvero divertente, ma spesso la guida è spericolata quindi il mio consiglio è quello di percorrere solo tratte brevi. Essendo un mezzo prettamente turistico, va sempre contrattato il prezzo prima della corsa. Spesso è più caro di un taxi normale (mi riferisco a Bangkok, per esempio).

  • Visitare un mercato

I mercati in Asia sono delle vere e proprie attrazioni, spesso anche piuttosto autentiche. Sono dei trionfi di colori, profumi (non sempre graditi) e suoni. Spesso in questi posti si respira la vera vita asiatica, si possono trovare cibo e spezie introvabili e a prezzi davvero bassi. Non vi dimenticate di contrattare!

In Cambogia sono stata in un autentico mercato khmer, dove vendevano ogni sorta di frutta, spezie e riso.

Mercato Khmer in Cambogia

Mercato Khmer in Cambogia

Mentre in Tailandia esiste un mercato che si sviluppa sulle rotaie di un treno, lungo 1 km circa dalla stazione ferroviaria. Ogni giorno arrivano e partono una decina di treni, e quindi le bancarelle devono essere risistemate ogni volta!

Railway Market a sud di Bangkok

Railway Market a sud di Bangkok

  • Familiarizzare con la fauna locale

Avere incontri ravvicinati con gli animali tipici del luogo da spesso luogo a sorprese e bei ricordi.

Per esempio, in Cambogia erano molti gli allevamenti di coccodrilli ed e stato “interessante” visitarne uno.

Coccodrilli in Cambogia

Coccodrilli in Cambogia

In Tailandia invece, soprattutto nella zona Nord, ci sono gli elefanti che si possono trovare persino allo stato selvatico: è stato bello guadare un fiume in sella ad un elefante.

Elefante in Tailandia

Elefante in Tailandia

In Indonesia troverete la Monkey Forest ad Ubud (Bali): qui ci vivono le scimmie; ma anche se non entrate nella foresta, vi capiterà spesso di vederle arrampicate sui fili della corrente che costeggiano la strada.

Scimmie in Indonesia

Scimmie in Indonesia

  • Rilassarsi con un massaggio

Scoprirete presto che questi paesi sono pieni di centri massaggi. Dall’esterno, una gran parte dei centri da l’impressione di essere fatiscenti e scadenti: provare per credere! Sono sicura che troverete delle ottime massaggiatrici anche nel posto che meno vi ispira. Ho provato diversi tipi di massaggi nei vari paesi e devo dire che sono sempre rimasta soddisfatta in tutti i centri. Per non parlare dei prezzi, imbattibili: potrete avere un massaggi di un ora con olii a meno di dieci euro!

Il mio massaggio preferito è stato presso un hotel di Jakarta, dove ho provato un massaggio con olii essenziali e che terminava con un bagno di sali in una vasca idromassaggio: è stato davvero molto rilassante.

Massaggio in Indonesia

Massaggio in Indonesia

  • Regalarsi pietre e perle preziose

Se vi trovare in viaggio col fidanzato, potreste fargli risparmiare un sacco di soldi oppure farvi regalare un gioiello piu’ bello! In questi posti le pietre preziose (come zaffiri, rubini, lapislazzuli, etc) e le perle costano dieci volte meno rispetto al prezzo a cui siamo abituati. Però fate attenzione, le fregature son sempre dietro l’angolo! Innanzitutto è fondamentale scegliere un posto affidabile per fare l’acquisto, e stare ben attenti al prezzo: questo deve essere basso ma giusto; spesso succede che il prezzo sia fin troppo basso quindi anche il prodotto sia di bassissima qualità. Quindi aguzzate lo sguardo, e fatevi un bel regalo.

  • Mangiare vero cibo local

Se vi piace assaporare la vera cucina locale, il miglior modo è quello di farsi cucinare proprio da un local. Chiaramente non sarebbe carino autoinvitarsi a casa loro, ma spesso succede che siano proprio i local a cucinare per voi quando partecipate ad un tour organizzato che include i pasti,. Abbiamo mangiato del riso che è stato custodito dentro un enorme foglia proprio in Tailandia. E le posate? Due canne di bamboo raccolte nel bosco e affilate con un coltello!

  • Fare un selfie con gli abitanti del posto

Se siete occidentali e viaggiate in posti poco turistici, come per esempio l’isola di Giava, troverete molte persone del posto (ma anche asiatici in vacanza) che vi chiederanno di fare un selfie con loro. Onestamente non ho mai capito il motivo di questa strana pratica, ma è un fatto piuttosto divertente venire fermati da sconosciuti per fare una foto assieme! A me è successo anche in Tailandia nei dintorni un po’ me no turistici di Bangkok.

Selfie con locali

Selfie con locali

 

Ora che avete scoperto i MUST to do, leggete qui quello che sarebbe meglio evitare in Asia.